Normativa CPR per i cavi di rete

Questa normativa stabilisce che un cavo di rete che venga installato in modo permanente, tipi- camente dentro un muro e nella canalina, debba essere certificato secondo la sua reazione al fuoco.

In sintesi: quando si esegue una installazione di un cavo di rete, o quando si sceglie un cavo da installare, si sceglie, a seconda delle prestazioni che si necessitano, la categoria, 5e, 6, 6A, 7, 8.1, la schermatura, il tipo di guina, poi si deve valutare la tipologia di edificio e il rischio ad esso collegato, e identificare la classe CPR adeguata alla situazione.

Le classi CPR di reazione al fuoco sono, dalla più alta alla più bassa:

Aca - B1ca - B2ca - Cca - Dca - Eca - Fca

A seconda di questa classe di reazione al fuoco il cavo si potrà utilizzare in determinati ambienti, secondo questa tabella che elenca le categorie principali di classi CPR:

Luoghi Livello Rischio Cavo
Aerostazioni, stazioni ferroviarie, stazioni marittime, metropolitane in tutto o in parte sotterranee. Gallerie stradali di lunghezza superiore a 500 m e ferroviarie superiori a 1000 m. Alto B2ca
Strutture sanitarie, locali di spettacolo e di intrattenimento in genere, palestre e centri sportivi. Alberghi, pensioni, motel, villaggi, residenze turistico - alberghiere.
Scuole di ogni ordine, grado e tipo. Locali adibiti ad esposizione e/o vendita all’ingrosso o al dettaglio. Aziende ed uffici con ol- tre 300 persone presenti; biblioteche ed archivi, musei, gallerie, esposizioni e mostre. Edifici destinati ad uso civile, con altezza antincendio superiore a 24m.
Medio Cca
Altre attività: Edifici destinati ad uso civile, con altezza antincen- dio inferiore a 24 m, sala d’attesa, bar, ristorante, studio medico. Basso Cca (Cavi installati a fascio)
Altre attività: installazioni non previste negli edifici di cui sopra e dove non esiste rischio di incendio e pericolo per persone e/o cose Basso Eca (Cavi installati singolarmente)

Oltre a questa classificazione principale, le autorità europee hanno regolamentato anche l’uso dei seguenti parametri addizionali, in uso di solito per le classi superiori, B2 e C:

  • s = opacità dei fumi. Varia da s1 a s3 con prestazioni decrescenti
  • d = gocciolamento di particelle incandescenti che possono propagare l’incendio.

Varia da d0 a d2 con prestazioni decrescenti

  • a = acidità che definisce la pericolosità dei fumi per le persone e la corrosività per le cose. Varia da a1 a a3 con prestazioni decrescenti.

Ultimi appunti: La normativa CPR non riguarda i cavi patch di rete: riguarda solo i cavi a muro in installazioni fisse. Quindi la richiesta di certificazione CPR dei cavi patch da PC a presa muro non ha senso.

La CPR riguarda la Classi di reazione al fuoco. Non riguarda la resistenza al fuoco, che sarà ogget- to di una prossima normativa.

La certificazione CPR non incide nelle prestazioni del cavo. Il cavo deve inoltre avere la certificazione CE.

Seguici su...
Disclaimer

© 2023 mdw.it - Tutti i marchi, loghi, immagini e nomi presenti sul sito appartengono a M.D.W. srl e/o ai rispettivi proprietari. E' espressamente vietata la riproduzione dei contenuti del sito in qualsiasi modo ed a qualsiasi scopo senza la preventiva autorizzazione scritta da parte di M.D.W. srl.

Ufficio stampa, Blog

armadi-rack.blogspot.com

Come contattarci

Supporto: info@armadi-rack.it

Chi siamo

Armadi-Rack.it© è una realizzazione M.D.W. srl

M.D.W. srl Camera di Commercio di Bologna
REA n° 465866
PI/CF 02766841205

Sede legale:Viale Quirico Filopanti, 4
Bologna 40126 BO

Sede operativa:Via Edmondo De Amicis 7
Casalecchio di Reno 40033 BO